NON MANCARMI DI RISPETTO

   CON RISPETTO PARLANDO. GRADISCA I MIEI RISPETTI.COL RISPETTO DOVUTO. Che fine hanno fatto queste espressioni? Si sono estinte? Appartengono ad un passato recente , in uso da sempre fino alla generazione alla quale appartengono I nostri genitori? A me piacerebbe tornare a farne uso, evocano un significato di cortesia, stima e ossequio. I nostri giovani ( I millenium) neanche sono sfiorati dall'idea di introdurle nel loro vocabolario . Dovrebbero inventare un'emoticon , così -forse- si accorgerebbero che esiste un concetto di positività, apprezzamento, protezione e via dicendo. In una giornata come quella di oggi , dedicata a tutte le donne vittime dell' odio maschile , mi sento di suggerire  alle mamme, agli insegnanti, e a tutti coloro che stanno a contatto con i giovani, di spiegare l'accezione RISPETTO, di utilizzare spesso le espressioni che la contengono. E soprattutto insegnare alle giovanissime che non si devono vergognare di apostrofare da subito l'amico ,che si permette un po' troppa confidenza diciamo così, con la frase MI MANCHI DI RISPETTO. Riprendiamo ad usare il termine ''rispetto'' a casa, a scuola, in ospedale , abituiamo I ragazzi a questo meraviglioso concetto dall' alto valore intrinseco.

 

25 novembre 17